Choc a Roma, carabiniere si spara. Il suo post su Facebook: «Lavoro per i Servizi. Vogliono chiudermi ​la bocca»

Un carabiniere originario della provincia di Terni, Luis Miguel Chiasso, è stato trovato morto, con un colpo di pistola al cuore, ieri sera nella sua stanza nella caserma dove prestava servizio a Roma.

L'ipotesi è che il militare dell'VIII Reggimento Lazio si sia suicidato con l'arma d'ordinanza.







Poco prima di morire sul suo profilo Facebook aveva scritto: «Lavoro per i servizi segreti italiani e internazionali», aggiungendo «mi resta poco da vivere, so già che stanno arrivando per chiudere la mia bocca per sempre».



È accaduto intorno alle 22.30 di ieri nella caserma 'Salvo D'Acquisto', nella zona nord della città. Il giovane è stato trovato a terra morto da alcuni colleghi nella sua stanza, chiusa a chiave dall'interno. Secondo quanto si è appreso, poco prima di morire ha chiamato il 112 in stato confusionale. A dare l'allarme è stato il militare che ha risposto alla chiamata. Alcuni colleghi sono andati a controllare nella sua stanza e, dopo aver forzato la porta lo hanno trovato morto. Sulla vicenda indagano i carabinieri del Nucleo investigativo. Ieri sera sono giunti da Terni i genitori del militare suicida. La procura, intanto, ha disposto l'autopsia.



Il carabiniere trovato morto, diversamente da quanto da lui stesso scritto su Facebook, non lavorava nè per i servizi segreti italiani, nè stranieri. Lo apprende l'ANSA da
«fonti qualificate». Le stesse fonti confermano che il militare si è suicidato con la pistola d'ordinanza.



Il suo ultimo post su Facebook. «Qualcuno mi conosce sente le mie parole alla TV mi sono creato il personaggio con un attore di Adam kadmon, vi avevo promesso che avrei levato la maschera, come faccio a sapere tante cose? Semplice, lavoro per i servizi segreti italiani ed internazionali da tempo sto vedendo cose a noi sconosciute cose non di questo mondo ma dei nostri creatori, purtroppo sapere determinate cose porta delle responsabilità, mi resta poco da vivere so già che stanno arrivando per chiudere la mia bocca per sempre. Anni fa giurai di essere fedele alla Repubblica italiana. Ora popolo vi dico combattete ribellatevi fate che la mia morte non sia vana perché il popolo ha il diritto alla disobbedienza verso il governo quando questo perda legittimità agendo fuori dai limiti del mandato e il diritto all'uso consapevole dell'illegalità giustificato dallo stato di guerra che i governanti, tradendo il patto, avrebbero ripristinato».
Mercoledì 26 Novembre 2014 - Ultimo aggiornamento: 11-12-2014 19:58

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2014-11-28 11:49:54
...in quale reparto lavori, collega?
2014-11-28 11:46:27
Con tutto il rispetto per la persona che se n'è andata e per i suoi familiari, stando al racconto di questo articolo, la dichiarazione del giovane ed il suo gesto mostrano troppo "scoordinamento" per far pensare a qualcosa di "serio". Passi per un agente segreto che voglia "aprire gli occhi" della gente tramite facebook, ipotesi già abbastanza assurda e illogica, ma proviamo a considerarla verosimile, SOLO ED ESCLUSIVAMENTE se l'Agente in questione scrivesse su Facebook da connessione satellitare criptata, e da un nuovo Pc vergine usato per ogni nuovo post. Detto questo, ci sono due punti fondamentali: 1. Un Agente con tali sedicenti "responsabilità" SA SCRIVERE CORRETTAMENTE IN ITALIANO, mentre il povero ragazzo mi è parso un pò impreparato in tal senso. 2. Un Agente che si adopera con tale impegno per crearsi una copertura talmente granitica e impenetrabile da poter rivelare delle"verità scottanti", "sfuggendo" ai suoi stessi colleghi, A QUEL PUNTO LE SVELA, TALI VERITA'. Non si sarebbe limitato a parlare vagamente di "governo che schiaccia i diritti del popolo, soprusi dei potenti, ingiustizie", e altri concetti vaghi che tutti ogni giorno ripetiamo. Avrebbe fatto nomi e descritto fatti reali e dettagliati. Ribadisco: tutto ciò col massimo rispetto per il ragazzo che se n'è andato, e senza voler difendere a spada tratta un sistema di "difesa interna ed esterna" che negli anni sicuramente ha commesso degli errori.
2014-11-28 11:12:08
Checco perchè il complotto da parte di poteri occulti non è forse una forma di delirio di onnipotenza
2014-11-27 22:56:54
Posta questo commento e poi si suicida? Al cuore, poi? La cosa puzza veramente veramente tanto! Non credo si sia suicidato e non credo che si sia inventato tutto!
2014-11-27 15:12:33
Mi sembra chiaro che fosse in presa al delirio, questo pone parecchi dubbi circa le modalità di selezione degli agenti.
22
  • 5,9 mila
QUICKMAP