Rigopiano, il dolore dei sopravvissuti: «Perché salvi solo noi?»

dal nostro inviato PESCARA La nebbia di domande e di se non andrà mai via. Se sono in vita è perché quando c'è stata la valanga, il boato che hanno scambiato per un terremoto, hanno deciso di sorseggiare un té caldo o di giocare con gli altri bambini; al contrario se la persona che amavano è morta è perché nei minuti prima dell'apocalisse si era casualmente spostata nella hall o nel bar, dove tutto è stato distrutto e trascinato via. Vita o morte, perché io...

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain