Il partito di Grasso e la "minaccia" di chi sta più a sinistra

I Liberi e Uguali ieri hanno incoronato leader Pietro Grasso. Ma la sinistra è una sinistra piena di sigle e di formazioni e c'è sempre l'ossessione che ci sia qualcuno ancora più a sinistra di te pronto a rubarti voti. Proprio in questa situazione si trova il partito dalemian-bersaniano di Grasso. La concorrenza a sinistra di Rifondazione Comunista, guidata da Maurizio Acerbo, qualche fastidio potrebbe provocarlo.

Da quelle parti c'è una area, anche formata da giovani e non solo dallo zoccolo duro iper-comunista, che per D'Alema e Bersani, più o meno considerati liberisti mascherati, non voterebbe mai. Poi a sinistra della sinistra ci sono i girotondini di Montanari e Falcone. Ieri hanno detto
«mai con i Liberi e Uguali» di Grasso. I quali però fanno spallucce: «Il gruppetto di intellettuali alla Falcone-Montanari sono l'ultima delle nostre preoccupazioni».

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain