Roma, overdose di vodka in classe, i genitori: «In coma per una scommessa»

Si somigliano, lei è piccola come la figlia, stremata anche lei, seppure resta in piedi davanti al letto, solo ogni tanto si siede e si copre il volto con le mani. È sola al capezzale della quindicenne del Russell finita in Terapia intensiva al San Giovanni.  Come sta ora sua figlia? «Sta meglio, per fortuna, ma non riusciamo a parlare». Ha un filo di voce, ancora la paura sul viso, nessuna forza, forse un po’ di vergona. Concentrata su quel che è successo, rimugina mentre la figlia guarda il...

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain