India, la famiglia della moglie non gli paga la dote: lui le fa espiantare di nascosto un rene e lo vende al mercato nero

Per due anni ha continuato a soffrire di dolori addominali e lombari, ma mai avrebbe potuto immaginare che dietro quella sofferenza ci fosse suo marito. Mai avrebbe potuto pensare che Biswajit Sarkar, l'uomo che aveva sposato 12 anni fa, per vendicarsi di non aver ricevuto la dote di 2.000 rupie, all'incirca 25 euro, le avrebbe rubato un rene per venderlo sul mercato nero degli organi. Una verità che è venuta a galla solo adesso, quando Rita Sarkar, 28enne di Murshidabad, in India, schiacciata dal peso dei dolori lancinanti si è rivolta a dei medici che le hanno rivelato che non aveva più il rene destro. È stato in quel momento che la donna è riuscita a ricostruire ogni singolo passaggio di quel piano orrendo architettato dal marito.

«Circa due anni fa ho iniziato a soffrire di un mal di pancia acuto - ha raccontato Rita all'Hindustan Times - Mio marito mi ha portato in una casa di cura privata a Kolkata, dove lui e il personale medico mi hanno detto che sarei stata bene dopo un intervento di rimozione dell'appendice che era infiammata. Tuttavia c'è stato un particolare che mi ha sempre lasciata perplessa: Biswajit mi ha chiesto di non raccontare dell'intervento a nessuno». Tuttavia, dopo l'operazione, i forti dolori addominali per Rita non si sono placati. Anzi. A quelli si sono aggiunte delle fitte lombari. Ha resistito per quasi due anni, fino a quando i suoi parenti non l'hanno accompagnata in ospedale: dagli accertamenti medici è stato scoperto che la donna viveva con un solo rene.

«Solo allora ho capito perché mio marito mi implorava di tacere sull'intervento - ha continuato Rita - Ha venduto il mio rene perché la mia famiglia non aveva potuto pagare la dote». La donna ha denunciato il fatto alla polizia e il marito è stato arrestato insieme al fratello Shyamal: sono accusati di traffico di organi. Messo alle strette dagli agenti, Biswajit ha raccontato che il rene era stato venduto a un uomo d'affari di Chhattisgarh. Gli agenti hanno fatto irruzione anche nella clinica nella quale è avvenuto l'intervento, ma al momento non sono stati effettuati arresti.

Era dal giorno in cui si era sposata che Rita veniva vessata perché la sua famiglia non era riuscita a pagare la sua dote: la tradizione della dote matrimoniale, pagata dalla famiglia della sposa, persiste in molte parti dell'India, anche se l'istituzione è stata dichiarata illegale nel Paese nel 1961.

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain