App e youtubers, ecco le campagne social per i giovani

E' operativa a Roma, Milano e Catania. E' un'app creata dalla Polizia di Stato per segnalare fenomeni di bullismo a scuola. si usano, in pratica, gli stessi mezzi dei "bulli": si possono riprendere con video e foto gli abusi e inviarli alle forze dell'ordine. «Con l'app "YouPol" - spiega la polizia -  si potranno denunciare fatti di cui si è testimoni diretti (anche mediante foto o immagini acquisite sul proprio dispositivo) ovvero notizie di cui si è appreso in forma mediata (link, pagine web, ricezione messaggi, informazioni orali etc.)». Un passo in avanti, un passo 2.0 per reprimere il fenomeno del bullismo, purtroppo molto diffuso nelle scuole. 

Il ​ Ministro dell'Interno Marco Minniti ha promosso con favore l'iniziativa: «"YouPol è un’app amica, e' la vostra amica a cui potete rivolgervi in caso di difficoltà. Lanciate il segnale, dite che c'è bisogno di un aiuto, fatelo anche in maniera anonima se volete, ma l'unica cosa che non dovete fare è voltarvi dall'altra parte; non c'è una società libera se in quella società prevale la violenza». Secondo il il Capo della Polizia Franco Gabrielli «l'app non ha lo scopo di creare ragazzi spioni ma cittadini consapevoli e partecipi del sistema sicurezza».

Il ministero della Salute invece sta per lanciare una campagna contro la diffusione dell'Aids. Lo strumento di diffusione sarà YouTube e protagonisti della campagna di sensibilizzazione youtubers famosi che fanno impazzire i giovanissimi.  Per l'iniziativa sono stati arruolati Willwosh, Daniele Doesn't Matter e i The Show, che hanno milioni di followers su YouTube.




 

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain